tvorogli pechenyelar (biscotti uzbeki alla ricotta)

Sono stati il tormentone del fine settimana questi biscotti uzbeki dall’impasto composto da ricotta, farina e burro.
La ricetta originale prevede l’uso del tvorog russo, un prodotto caseario fresco leggermente acido.
E’ molto simile alla ricotta nostrana anche se completamente differente. Conosciuto dagli antichi popoli romani che per produrlo, facevano acidificare il latte con un particolare enzima estratto dai vitelli.
E’ possibile prepararlo in casa utilizzando il latticello o il kefir, ovvero una bevanda ricca di fermenti lattici che si ottiene dalla fermentazione del latte. E’ un’ottima fonte di calcio e amminoacidi e ha delle proteine ad alta digeribilità.

ingredienti

  • 100 grammi di ricotta

  • 75 grammi di farina 00

  • 50 grammi di burro morbido

  • 3 grammi di lievito per dolci

  • vaniglia

  • un pizzico di sale

  • 8 cucchiai di zucchero

preparazione

  • Mettete in una ciotola la ricotta e il burro morbido, con una forchetta lavorate bene in modo da amalgamare .
    Unite la farina e il lievito setacciati, aggiungete la vaniglia e impastate, aiutandovi con le mani leggermente infarinate.
  • Formate con l’impasto un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettete in frigorifero per circa un’ora.
    Questo passaggio è fondamentale.
    Versate lo zucchero in un piattino.
    Trascorso il tempo di riposo, riprendete la pasta, adagiatela sul tavolo leggermente infarinato e stendetela con il mattarello, sempre spolverato di farina, fino ad ottenere uno spessore di 3 mm.
    Tagliate con un coppapasta dei dischi di circa 8 – 10 cm di diametro, passate i dischetti di pasta nello zucchero da entrambi i lati, facendolo aderire bene, piegatelo a metà formando una mezzaluna, e poi ancora a metà.
    Preriscaldate il forno a 200°C.
    Sistemate i biscotti nella teglia ricoperta con cartaforno e rimettete in frigorifero finché che il forno non ha raggiunto la temperatura, circa 10 minuti .
    Infornate per circa 10 – 15 minuti e comunque fino a quando la superficie non sarà leggermente dorata.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *