impasto per tigelle o crescentina di Modena

Mi piacciono per la loro semplicità…con poco le farcisci e così “combini” un pranzo, una cena veloce, magari accompagnandole con un buon bicchiere di vino rosso.
Ma cosa sono ?
La tigella è una piccola focaccina rotonda che una volta pronta, viene tagliata a metà ,orizzontalmente, e farcita con salumi, formaggi morbidi, tipica della zona appenninica emiliana, in particolare tra la province di Bologna e quella di Modena.
Il nome cambia in base alla zona, a Bologna vengono chiamate tigelle, mentre a Modena vengono chiamate crescentine o crescente.
A Bologna il nome crescentina indica un altro tipo di focaccia che viene fritta in olio ed è più soffice.
Un tempo venivano cotte in dischi di terracotta, alternati con dischi di pasta, chiamati tigelle.
Oggi per praticità la cottura avviene utilizzando uno stampo in alluminio, chiamato tigelliera, che può contenere dalle 4 alle 7 tigelle, da mettere sul gas come una normalissima padella.
Una volta le tigelle erano composte da una miscela di argilla e pietra refrattaria, oggi ne troviamo di vari modello e materiali, ma senza attrezzarci di tigelliera possiamo utilizzare una padella antiaderente, abbastanza grande in modo di cuocerne più di una alla volta.

Ingredienti per 20 tigelle

  • 350 grammi di farina 00

  • 150 ml di latte tiepido

  • 100 ml di acqua tiepida

  • 50 grammi di strutto

  • 3 grammi di lievito di birra disidratato

  • 1/2 cucchiaino da caffè di sale fino

preparazione

  • Mettete nella ciotola della planetaria, con il gancio, la farina setacciata e il lievito disidratato.
    Aggiungete l’acqua.
    Mescolate per un paio di minuti, quindi unite il latte, lo strutto ed infine il sale.
    Impastate fino a quando non otterrete un impasto liscio e omogeneo.
  • Togliete l’impasto dalla ciotola della planetaria, adagiatelo sulla spianatoia leggermente infarinata, lavoratelo per qualche istante quindi formate la classica palla.
    Mettete l’impasto in una ciotola e coprite con la pellicola trasparente e lasciate lievitare per circa 1 ora, nel forno spento con la luce accesa.
  • Trascorso il tempo della prima lievitazione, riprendete l’impasto stendetelo con il mattarello fino ad avere uno spessore di mezzo centimetro.
    Con un coppa pasta dal diametro di 8 cm.(*) ricavate dei cerchietti di pasta che andrete a sistemare su un tagliere leggermente infarinato: con queste dosi verranno circa 20 tigelle.
    Coprite con la pellicola e fate lievitare per circa 60 minuti.
  • Scaldate lo stampo per tigelle sul fuoco da entrambi i lati, adagiate l’impasto in ogni spazio e cuocete su fiamma medio-bassa per circa 3 minuti per lato.
    Se non avete la tigelliera potete usare una padella antiaderente, cuocendo le tigelle, poche alla volta, su entrambi i lati, fino a quando risulteranno leggermente dorate.
    Potete cuocere le tigelle in forno a 200°C. per 8 – 10 minuti adagiandole sulla teglia.
    Servite le tigelle calde accompagnate da salumi, prosciutto, lardo, formaggi, ecc.
  • (*) se avete la tigelliera utilizzate il coppa pasta che viene dato in dotazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *