involtini di radicchio rosso di Treviso tardivo

Il radicchio rosso di Treviso tardivo, con quel gusto particolare che va dal dolce all’amaro, è perfetto nel risotto , in agrodolce , condito e messo nella pasta e fagioli come da tradizione trevisana.
Oggi prima che finisca la stagione del “Re dell’inverno” vi voglio lasciare questa ricetta e sarà sicuramente apprezzato da tutti.

La coltivazione del radicchio rosso di Treviso Tardivo IGP è possibile solo nelle campagne di 24 comuni del Veneto, 17 in provincia di Treviso, 5 in provincia di Venezia e 2 in quella di Padova.
L’origine tuttavia si perde nel passato, tra racconti antichi, leggende che si fondono con la realtà, aneddoti e tradizioni. Come quello che racconta di alcuni uccelli che avrebbero lasciato cadere il seme di questa speciale cicoria sul campanile del paese di Dosson di Casier, località alle porte di Treviso, trovato poi dai frati che l’avrebbero accudito con cura e coltivato.
Altri invece ritengono che la tecnica dell’imbianchimento e quindi la possibilità di trasformare una semplice e amara cicoria nel gustoso radicchio, si debba ad un preciso fatto storico: ovvero la presenza del vivaista Francesco Van De Borre, giunto dal Belgio nel 1870 per curare la realizzazione di un giardino all’inglese nella trevigiana Villa Palazzi, che avrebbe trasmesso le abilità dell’imbianchimento delle cicorie belghe.
Il radicchio rosso di Treviso lo si ottiene secondo la tradizionale tecnica di forzatura ed imbianchimento durante la quale i mazzi, dopo la raccolta, che avviene normalmente a partire dai primi di novembre, vengono posti in vasche riempite con acqua corrente di risorgiva.
Dopo circa quindici giorni, cioè una volta ottenuti i nuovi germogli, si procede con la fase di toelettatura, lavaggio e confezionamento.
Una volta pronto, all’aspetto, si presenta nella tipica forma lanceolata, con germogli regolari e compatti che tendono a chiudersi all’apice.
info da qui radicchioditreviso

ingredienti per 4 persone

  • 4 cespi di radicchio rosso di Treviso tardivo

  • 24 fettine di pancetta

  • olio di oliva extravergine

  • sale fino

  • pepe nero macinato

preparazione

  • Lavate, tagliate ogni cespo di radicchio a metà e poi ogni metà tagliatela in 3 parti.
    Sgocciolate e asciugate bene il radicchio con un canovaccio pulito.
  • Avvolgete ogni spicchio di radicchio con una fetta di pancetta.
    Disponete il radicchio in una teglia da forno, un filo di olio di oliva extravergine, giusto per non far seccare le punte, salate e pepate: non esagerate perché la pancetta è già saporita.
  • Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti e comunque fino a quando la pancetta non risulterà leggermente croccante .
    Servite gli involtini di radicchio ben caldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *