frittelle con uvetta

Le frittelle?
…che carnevale sarebbe senza?
Questo piatto, anticamente diffuso in gran parte del Mediterraneo, si dice che fosse conosciuto fin dai tempi dell’Antica Roma, e probabilmente ancor prima.
Infatti gli antichi romani chiamavano questi dolci frictilia.

La frìtoła,pronunciato frìtoea,è il dolce tipico del carnevale di Venezia e, con alcune varianti, di tutto il Veneto, del Friuli-Venezia Giulia e dell’Istria.

A Venezia ebbero un successo clamoroso fino a che furono nominate il dolce nazionale della Repubblica Serenissima.

Non venivano preparate da chiunque ma solo dai cosiddetti fritoleri.
Il mestiere dei fritoleri era una vera e propria corporazione che si era divisa il territorio nella propria area di esclusività, vi si poteva entrare solo avendo un padre “fritolero” e questa strategia permise alla corporazione di sopravvivere fino alla fine dell’ 800.

Ingredienti

  • 150 grammi di farina 00

  • 50 grammi di amido di frumento 

  • 50 grammi di zucchero semolato

  • 50 grammi di burro

  • 250 ml di acqua

  • 100 grammi di uvetta sultanina

  • 1 pizzico di sale

  • 3 – 4 uova

  • 1/2 bustina di lievito per dolci

  • un limone non trattato

  • olio di arachidi per friggere

  • zucchero a velo

preparazione

  • Mettete in ammollo l’uvetta in una ciotola con acqua tiepida.
    Portate ad ebollizione in una casseruola l’acqua,il burro e il sale.
  • Spostate la casseruola dal fuoco ed aggiungete,tutta in una volta,la farina e l’amido di frumento setacciati.
    Mescolate con un cucchiaio di legno, fino ad ottenere una palla liscia e compatta.
  • Mettete nuovamente sul fuoco, mescolando sempre, fino a quando l’impasto si staccherà per bene dalle pareti della casseruola.
  • Togliete dal fuoco e mettete l’impasto caldo in una ciotola.
    Aggiungete lo zucchero, la scorza grattugiata di un limone ed infine le uova,una alla volta: inserite le uova solo quando quello che avete inserito in precedenza si sarà amalgamato nell’impasto.
    Fate intiepidire.
  • Aggiungete il lievito per dolci setacciato e l’uvetta ammollata e ben asciugata.
  • Nel frattempo fate scaldare l’olio di arachidi a 175°-180°C.
  • Con 2 cucchiaini formate le frittelle,quindi tuffatele nell’ olio bollente,e friggetele cercando di mantenere la temperatura .
    Le frittelle dovranno gonfiarsi e dorare su tutta la superficie.
  • Scolate le con la paletta forata dall’olio e mettetele ad asciugare sulla carta assorbente.
    Cospargete le frittelle con lo zucchero al velo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *