bônet

Il bonèt è uno dei più antichi dolci della tradizione dolciaria piemontese , a base di uova, zucchero,latte,cacao, rum e amaretti .
In piemontese il termine bonèt indica un cappello, la cui forma ricorda quella dello stampo a tronco di cono basso in rame in cui si cuocevano i budini e i flan, che veniva chiamato bonèt ëd cusin-a cioè cappello da cucina, berretto del cuoco.
Il dolce avrebbe quindi preso il nome dallo stampo.
Questa è l’interpretazione che viene data dal vocabolario Piemontese/Italiano di Vittorio di Sant’Albino del 1859.
Nel dialetto locale, quello delle Langhe per intenderci, bonèt significa “berretto”.
Questo nome è stato dato perché veniva servito alla fine del pasto come “cappello” per tutto quello che prima si aveva mangiato.

Ingredienti per 4 persone

  • 1/2 litro di latte intero, a temperatura ambiente

  • 100 grammi di amaretti

  • 150 grammi di zucchero semolato

  • 70 grammi di cacao amaro in polvere

  • 4 uova

  • 60 ml di rum

  • 100 grammi di zucchero per il caramello

  • 50 ml di acqua


Preparazione

  • Lavorate nella ciotola della planetaria le uova con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e cremoso. 
    Riducete gli amaretti in polvere quindi unite il cacao setacciato.
  • Unite il rum al composto di uova, aggiungete il mix di amaretti e cacao.
    Mescolate bene.
    Aggiungete il latte.
  • Nel frattempo scaldate il forno a 180°C.
    Preparate il caramello: in un pentolino in acciaio a fondo spesso mettete a scaldare a fuoco basso lo zucchero.
    In un altro pentolino, fate bollire l’acqua .
    Quando lo zucchero si sarà caramellato, dovrà assumere il tipico colore bruno, aggiungete l’acqua in ebollizione.
    Mescolate velocemente.
    Levate dal fuoco il caramello e versatelo ancora bollente sul fondo di uno stampo da plumcake.

  • Versate il composto nello stampo.
    Trasferite lo stampo del bonèt dentro uno stampo più grande che avrete riempito per 2/3 con acqua calda.
    Fate cuocere a bagnomaria per 60 minuti circa.
    Per capire quando il budino sarà cotto, dovrà staccarsi leggermente dalle pareti dello stampo. 
    Togliete lo stampo dal forno e fate raffreddare a temperatura ambiente.
    Prima di servire lasciate riposare per almeno 3 ore in frigorifero.
    Il bonèt deve raffreddarsi completamente prima di essere sformato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *