chiacchiere di carnevale

Tanti nomi a seconda della regione,galani e crostoli in Veneto, bugie in Liguria, cenci in Toscana, frappe a Roma ma la ricetta è molto simile.
Le origini ci riportano indietro nel tempo.
Nell’antica Roma venivano preparate le frictilia, dolci fritti nel grasso, per festeggiare i Saturnali, una festa pagana simile al Carnevale di oggi.
I saturnali avevano inizio con grandi banchetti.
Durante questi festeggiamenti era sovvertito l’ordine sociale: gli schiavi potevano considerarsi temporaneamente degli uomini liberi, e potevano comportarsi di conseguenza; veniva eletto, tramite estrazione a sorte, un princeps ,una sorta di caricatura della classe nobile,a cui veniva assegnato ogni potere.
(dal web)


Ingredienti

  • 300 grammi di farina Manitoba

  • 50 grammi di burro

  • 70 grammi di zucchero

  • 2 uova

  • 3 cucchiai di vino bianco (grappa,rum,vin Santo)

  • la buccia di un limone non trattato grattugiata

  • un pizzico di sale

  • olio di arachidi per friggere

  • zucchero a velo

preparazione

  • Versate sulla spianatoia la farina a fontana,al centro mettete le uova,lo zucchero, il burro sciolto,il vino,la scorza di limone, e il sale.
  • Iniziate ad impastare con le mani fino ad ottenere un panetto morbido e liscio.
    Copritelo con la pellicola trasparente e fatelo riposare per 30 minuti a temperatura ambiente.



  • Riprendete l’impasto, tagliate un pezzetto di impasto alla volta, infarinatelo e appiattitelo con le mani.
    Iniziate a stenderlo con la macchina per la pasta,partendo dallo spessore più largo.
    Ripiegate la sfoglia e ripetete l’operazione .
    Accorciate la distanza tra i rulli, fino ad arrivare allo spessore di 2 mm., ripiegando sempre la sfoglia in modo da averla liscia e uniforme.
  • Con una rotella tagliapasta tagliate dei rettangoli quindi fate un taglietto al centro di ciascuna sfoglia.
    Nel frattempo mettete a scaldare l’olio,cuocete le chiacchiere,poche alla volta, fino a quando non diventano dorate su entrambi i lati.
    Scolatele con la paletta forata e adagiatele sopra un foglio di carta assorbente per asciugare dall’olio in eccesso.

  • Spolverizzatele con abbondante zucchero a velo e servite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *